Il poema del vestito di latte: parole in libertà futuriste